Archivi categoria: Eventi

Premio Internazionale Universum Donna – Domenica 5 ottobre a Lugano

Con piacere segnaliamo l’appuntamento di domenica 5 ottobre p.v. a Lugano con il Premio Internazionale Universum Donna, in cui verranno premiate le 10 donne che si sono maggiormente distinte in ogni campo della società.

La dott.ssa Natascia Pane originaria di Torino, ha ottenuto questo ambito Premio per la sezione cultura ottenendo anche la nomina ad Ambasciatrice di Pane della International University Peace.

Per ulteriori informazioni:
Lucia Pasquini: cell. 349.8660470 media@agenziacontrappunto.com
http://www.universumacademy.org/default.asp?file=home.htm
http://www.universitadellapace.ch
http://www.lospaziodeltalento.com

Universum Donna Natascia Pane Comunicato Universum Donna_NatasciaPane

Festa della donna 2014: da nord a sud, ecco le iniziative per festeggiare all’insegna della cultura

Questi solo alcuni dei tanti appuntamenti organizzati per la giornata delle donne in giro per l’Italia, riportati dal sito Leonardo.it: naturalmente i nostri auguri a tutte voi, qualsiasi sia la vostra scelta di festeggiare (o non festeggiare) questa giornata.

L’8 marzo 2014, il giorno dedicato alla Festa della Donna, è alle porte e numerosi sono gli eventi e le manifestazioni che si terranno in tutta la penisola per festeggiare questa giornata. Da nord a sud, le principali città italiane offrono infatti un ricco cartellone di mostre, convegni, concerti e molto altro ancora per celebrare la donna in tutte le sue molteplici sfaccettature.

Partiamo dunque da MILANO, per una carrellata di eventi, tutti rigorosamente in rosa, dedicati alle donne che vorranno in questo fine settimana soddisfare il loro desiderio di piacere dato dalla Cultura nelle sue molteplici forme, che vorranno dedicare del tempo a prendersi cura di loro ed in particolare delle loro facoltà cognitive: della loro intelligenza, sapienza, coscienza, salute fisica e mentale.

INCONTRO “DIGNITA’ E PARITA’” – Sabato 8 marzo, dalle 15.30 alle 20, presso la sede della Comunità di S.Egidio, in via degli Olivetani, l’Associazione Culturale Tagdurt organizza un incontro sul tema “Dignità e Parità” con l’obiettivo di festeggiare e onorare le donne del passato che hanno promosso i diritti acquisiti di oggi e le donne di oggi e di domani che continueranno a rimuovere gli ostacoli e che saranno portatrici di una visione migliore.

DONNE MIGRANTI IMPRENDITRICI – Domenica 9 marzo, dalle 15.00 alle 20.30 l’appuntamento è alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini, dove l’associazione Assefl organizzerà una giornata dedicata al protagonismo delle donne migranti nel sistema culturale ed economico-sociale del territorio. Un’iniziativa che vuole dare un segnale forte alla città sulla consapevolezza del ruolo delle donne immigrate, allo scopo di promuovere l’interculturalismo, stimolare una maggior  partecipazione sulla vita e lo sviluppo della città, ma anche promuovere l’imprenditoria femminile.

TRA MODA E PITTURA – Sabato 8 marzo, dalle ore 14 presso la Cascina Cuccagna l’associazione Adri celebra la Giornata Internazionale delle Donne con un ricco e divertente programma. La festa inizia con la sfilata di moda della Sartoria “Irimia Marinela” di Milano. L’artista e restauratrice Violeta Coteanu presenterà poi alcune delle sue icone e i quadri dipinti a olio su tela. Presso la Falegnameria di Cascina Cuccagna si avrà inoltre la possibilità di imparare ad utilizzare vari tipi di arnesi di uso quotidiano come il trapano o il seghetto, oppure imparare l’arte di appendere i quadri, mensole ed altro. A seguire  Violeta Popescu, responsabile dell’Istituto Culturale Italo-Romeno di Milano, presenterà il libro “Impronte culturali romeni in Italia”.

VIAGGIO NELLA NATURA – Per celebrare la Giornata Internazionale della Donna anche la natura si tinge di rosa…E di mimose. L’appuntamento con la natura che sta per risvegliarsi è all’area protetta di Vanzago, alle porte di Milano, con l’escursione guidata organizzata dal WWF

CASA DELLE DONNE – Sabato 8 marzo, inaugurazione della Casa delle Donne all’interno dello spazio comunale di via Marsala dove si terranno, dalle 14.30 fino a notte inoltrata, mostre fotografiche, musica e cinema.

Una giornata densa di appuntamenti anche quella di sabato 8 marzo a MONZA. Si comincia alle 9.30 con il convegno “Donne in cammino: percorsi di arte,impegno sociale e spiritualità” presso la sala D Urban Center di via Turati. Alle 17.30 sarà la vota di un altro incontro tutto al femminile dal titolo “Le donne parlano di sè“. La giornata prosegue poi con “La donna nel mondo“, mostra fotografica lungo le vetrine del centro (piazza Roma – Via Italia) a cura di Cadom e in collaborazione con Kel 12. Infine alle 21, al Teatro Binario 7, il sipario si alza su “Nina’s radio night“, esilarante spettacolo con le Nina’s Drag Queens.

In occasione della Festa della donna, venerdì 7 marzo, a PAVIA per tutto il giorno le visitatrici donne potranno invece entrare gratuitamente nelle sale espositive dei Musei Civici del Castello. Si intitola poi “Il Museo in rosa” l’iniziativa che il Museo di Storia Naturale dedica alle donne venerdì e sabato: due giorni di apertura straordinaria della sede di Via Guffanti 13: dalle 9 alle 12, ingresso gratuito per tutti. Altro appuntamento da non perdere è l’escursione notturna organizzata dall’associazione naturalistica Codibugnolo, che propone per la serata di sabato 8 marzo un incontro dedicato alla rinascita della natura e ai sapori genuini della tradizione gastronomica d’Oltrepò. Il titolo della serata è “Il lato femminile della Natura”, che sarà aperta da un trekking al tramonto lungo alcuni sentieri che si snodano nel comune di Rocca Susella, per scoprire gli straordinari comportamenti e le incredibili strategie adottate dagli animali in questo momento particolare dell’anno: l’arrivo della primavera.

MANTOVA la Festa della donna si trasforma in un’occasione per conoscere meglio l’impegno delle donne nella comunità. “Valore al merito” ha lo scopo di far conoscere la storia e l’esperienza di donne nate nella provincia di Mantova che si sono distinte nella politica, nella scienza, nel lavoro o in altri ambiti e che rappresentano quindi modelli da seguire in quanto esempi concreti dei risultati che si possono raggiungere puntando sul merito, sull’impegno e sulla passione. Un evento che coinvolge tutta la comunità, poiché tutti possono segnalare donne meritevoli di vincere il Premio Valore al merito. Sabato 8 e Domenica 9 marzo 2014, presso il Centro Commerciale La Favorita di Mantova, che ospita l’intera iniziativa, si terranno inoltre presentazioni, incontri, dibattiti, spettacoli ed esibizioni.

Interessante iniziativa è anche quella promossa a TARQUINIA in occasione della Festa della Donna (LEGGI QUI LE FRASI PIU’ BELLE DA DEDICARE IN QUESTO GIORNO SPECIALE), il prossimo 8 marzo. Grazie all’ associazione Artetruria le donne potranno qui effettuare visite guidate scontate nelle tombe dipinte delle Pantere, degli Auguri, dei Tori, del Barone e degli Aninas. Le tombe sono capolavori dell’arte etrusca. Visitarle e ammirarle sarà un modo diverso per trascorrere la festa dell’8 marzo.

Ci spostiamo quindi a ROMA, dove davvero numerose sono le iniziative organizzate per la Giornata Internazionale della Donna:

IL LAVORO DELLE DONNE: RASSEGNA NEI TEATRI DELLA CAPITALE – dal 4 al 9 marzo gli spazi della rete “Casa dei Teatri e della Drammaturgia Contemporanea” ospitano una rassegna dedicata a “Il Lavoro delle Donne”. In cartellone quattro spettacoli, un documentario, un osservatorio critico e un incontro coordinato da Corrente Rosa per parlare non solo della violenza sulle donne, ma anche di tutto quello che non si è fatto e si deve ancora fare per il passaggio da un passato di sfruttamento e di disuguaglianza ad un futuro di dignità e indipendenza. In programma lo spettacolo “Scintille”, scritto e diretto da Laura Sicignano, a seguire il film documentario prodotto da Corrente Rosa “Per la mia strada”, il concerto della pianista e direttrice d’orchestra Gianna Fratta, e l’Incontro di Serena Romano, Presidente di Corrente Rosa, con Gianna Fratta, e Laura Sicignano che raccontano il loro percorso artistico e rispondono alle domande del pubblico.

TRE PASSI DI DONNA – al Teatro Furio Camillo le donne protagoniste delle storie inseguono speranza e illusioni, cercano di lottare per un’esistenza migliore, reinventandola e reinventandosi. Il 7 marzo alle ore 21,00 Claudia Pellegrini presenta “DIS_CORDA”, liberamente tratto da Mitica Futura, di Anna Laura Bobbi e Floriana Coppola. Uno spettacolo che cerca attraverso la parola poetica, la leggerezza e l’incanto del gesto pittorico e del suono che si fa musica, di arrivare all’anima profonda e all’essenza di ognuno di noi, capace di morire e rinascere ogni giorno. L’8 marzo alle ore 21,00 va in scena “Transition”di e con Valentina Versino e Cristine Sonia Baraga. Un viaggio che racconta la transizione generazionale in chiave ironica, un viaggio attraverso le continue trasformazioni quotidiane che dai film in bianco e nero che guardavano le nostre nonne, ci porta ai giorni nostri passando per la rivoluzione sessuale portata avanti dalle nostre mamme. A seguire #2 di e con Michela Mucci e Valentina Versino. Domenica 9 marzo alle ore 18,00 Fiora Blasi presenta “Qualsiasi cosa mai”liberamente ispirato ad un racconto di Haruki Murakami. Tra flashback e sospensioni, la protagonista si muove fra un tempo interno della memoria e del dubbio e uno quotidiano fatto di pragmatismo e doveri. La musica e i suoni, eseguiti dal vivo, integrando voce e dispositivi elettronici, danno corpo a questi diversi livelli. A interrogativi e confessioni diretti al pubblico si alternano dialoghi con il musicista, interpellato come amico-attore, e quadri più onirici e surreali.

LE DONNE PREFERISCONO LE STELLE – Sabato 8 marzo 2014, dalle ore 20.00, presso l’INAF –Osservatorio Astronomico di Roma, si tiene la serata evento dal titolo: Le donne preferiscono le stelle. Una serata speciale, diversa, che non vuole essere solo un festeggiarsi, ma vuole essere un raccontarsi, un confrontarsi. Storie di donne, storie di Universi, visti, studiati e amati dall’ Universo femminile. Da Ipazia, matematica, astronoma e filosofa del 350 d.c., a Raffaella, astrofisica e ricercatrice del 2014 d.c., passando per Enrica, giornalista scientifico e Licia Troisi scrittrice fantasy e astronoma. Una serata per parlare di donne, pensare a loro e ricordare come hanno puntato gli occhi alle stelle nel corso dei secoli e con quante e quali difficoltà sono arrivate a puntarli oggi. A come le stesse si sono fatte spazio tra lo Spazio, nella ricerca e nella divulgazione scientifica italiana e internazionale. La serata sarà arricchita da un aperitivo e dall’osservazione ai telescopi.

ORTO MARZO: DONNE IN CAMPO. Weekend di autoproduzione, orto, arte e sinergie al femminile –8 e 9 marzo, due giorni dedicati alla cura dell’orto, all’agricoltura biologica e al “fai da te” durante i quali imparare a realizzare un angolo verde su misura per sé, testando le proprie potenzialità in un vero orto (sinergico e tradizionale) accompagnate/i da agronomi, esperti di sana alimentazione, giornalisti, artisti e cuoche che insegneranno i segreti della cucina tradizionale anticolana. Il lavoro “sul campo” sarà accompagnato da letture, cinema, visite al Museo di Anticoli Corrado, giochi e laboratori creativi. All’Associazione Marmorata 169 è inoltre affidato un percorso culturale fatto di storie di donne ma dedicato a tutti. E tra fili di paglia, risate e buona cucina sarà possibile scoprire nuovi (e vecchi) saperi e sapori, rilassarsi e conoscere aneddoti della Valle dell’Aniene raccontati da associazioni e persone del luogo.

ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO  il 7 marzo 2014, dalle 9,00 alle 13,30, l’Archivio centrale dello Stato organizza una manifestazione dedicata alle donne che in vario modo hanno orientato le loro scelte nel campo dell’arte. Dopo una breve presentazione di fonti archivistiche e di riviste femminili d’epoca, saranno proiettati due documentari RAI, Suite per Palma e La sposa, incentrati su due figure di donne che hanno lasciato, con le loro personalissime esperienze, testimonianza di un forte impegno nel mondo dell’arte: Palma Bucarelli, direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea dal 1942 al 1975, e Pippa Bacca, nota soprattutto per il suo ultimo provocatorio progetto artistico che le costò la vita nel 2008. La giornata si conclude con la visita alla mostra di pittura di Carlo Carli, Dolcezza violata.

Apertura prolungata dei Musei della Basilicata è invece l’iniziativa dedicata alle donne dai Musei Archeologici Nazionali di Grumento Nova, Matera, Melfi, Metaponto, Policoro e Venosa, che resteranno saranno aperti sino alle ore 22. A Melfi segnalo inoltre la mostra fotografica “Viaggio della Memoria” e dalle  ore 17.30 “Premio Donna 2014”; mentre a Metaponto testi ed esposizione di materiale riguardanti “Hera e il mondo femminile nell’antichità”.

E per finire il nostro viaggio per l’Italia alla scoperta delle iniziative culturali più curiose dedicate alla Festa della Donna, giungiamo finalmente a Napoli, dove l’8 marzo sarà intitolato Zeromimose“. Iniziativa  che intende sensibilizzare le donne sul reale significato di questa giornata, ovverola commemorazione del cammino fatto fino ad oggi dalla donna per sentirsi libera, e non una festa consumistica. Sabato 8 marzo al caffè Gambrinus, a piazza Trieste e Trento, alle 10.30 perfomance, racconti e testimonianze di donne, con la partecipazione di  Chiara Marasca, giornalista del Corriere del Mezzogiorno. Alle 19 presso il Circolo dei Canottieri sul Lungomare si terrà invece una serata- spettacolo con il concerto della Rotery Youth Chamber Orchestra, le perfomance artistiche della pittrice Sveva Ventre e della ballerina Roberta Zaumer, da segnalare anche le proiezioni di “Antigone” di Enrico De Luca e “Donne e sport” di Maria Grazia Orsani.

“Decido io”: il 1 febbraio donne in piazza per difendere il diritto all’aborto

Notizia tratta da donnafanpage

Immagine

 

E’ iniziato online, sui siti delle associazioni femministe di tutta Europa, la chiamata a raccolta per le donne che desiderano difendere il proprio diritto all’aborto. Il primo febbraio nelle piazze principali delle grandi città d’Europa, tra cui Madrid, Parigi, Londra, Bruxelles, in Italia ci saranno manifestazioni a Milano, Roma, Firenze e Bologna, le donne si uniranno per gridare a gran voce lo slogan “Decido io” dinanzi alle ambasciate e ai consolati spagnoli delle differenti città. Tutte scenderanno in piazza per mostrare la propria solidarietà con le donne spagnole e protestare contro la nuova legge, proposta lo scorso dicembre dal ministro spagnolo della Giustizia Gallardòn, sull’interruzione della gravidanza. Tale proposta di legge limita fortemente la libertà femminile riguardo all’aborto e dà diritto ad un’interruzione solo in casi estremi di violenza sessuale o di rischi gravi per la salute fisica e mentale della donna che sceglie di abortire.

Donne e così sia

Tre giorni dedicati alle donne in Abruzzo: la segnalazione arriva da PagineAbruzzo.it  e noi la riportiamo volentieri.

Donne e così sia: una tre giorni dedicata all’Universo femminile. Non solo alle donne, quindi.

L’idea di Donne e così sia nasce dal libro da cui la manifestazione prende il nome, in uscita per fine novembre e in vendita a partire dalla metà di dicembre. Un libro che, come commenta l’autrice Assunta Altieri “Parla di donne alle donne. Ma non solo. Parla di donne a una moltitudine per cui ciò che differenzia una persona dall’altra è la capacità di comprendere i processi evolutivi intimi piuttosto che un banale incrocio di cromosomi”. Storie di amori, passioni, madri, violenze, viaggi. Storie vere di donne che l’autrice ha amato o solamente incrociato nel corso della sua vita. Storie che s’intersecano in un misto di autobiografica, biografie introiettate e racconto critico di attimi che scandiscono i ritmi del tempo quotidiano delle donne.”

Donne e così sia è la Prima edizione di una Tre Giorni dedicata al mondo del femminile dal 7 al 9 dicembre in Abruzzo. Un ciclo di eventi eterogenei che coinvolgono tutte le sfere della cultura e dell’informazione e si riferiscono a pubblici diversi, con un obiettivo unico: accrescere la consapevolezza della necessità di valorizzare la persona in quanto tale. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione culturale Il Cassetto delle Idee libere.

“DONNE E COSÌ SIA” – CONVEGNO INAUGURALE

7 dicembre 2013, ore 17.30

Teatro comunale di Città Sant’Angelo – Piazza IV Novembre

l convegno, condotto dalla giornalista di Rai 3, Daniela Senepa,  ospiterà la presentazione del libro “Donne e così sia” e una discussione sulle tematiche della valorizzazione della “risorsa donna” nel Paese e nella Regione e del femminicidio. Interverranno oltre alle istituzioni di Città Sant’Angelo (sindaco Gabriele Florindi, assessore alla cultura Raffaella Graziani, vice-sindaco Pina Rasetta) donne di interessante know how professionale e culturale: dal procuratore aggiunto di Pescara Cristina Tedeschini, alla consigliera di parità della regione Abruzzo Letizia Marinelli, alla consigliera regionale ed esperta di politiche sociali Marinella Sclocco, alla coordinatrice dell’Osservatorio FNOMCeO della Professione Medico-Odontoiatrica Femminile Annarita Frullini, alla coordinatrice regionale Impresa Donna di Confesercenti Sonia Di Naccio. Sarà presente l’autrice del libro Donne e così sia, nonché presidente dell’Ass. Il Cassetto delle Idee libere, Assunta Altieri.

“XY vs XX” – COLAZIONE LETTERARIA

8 dicembre 2013, ore 10.30

Peca Village, Montesilvano – Corso Umberto I, n. 167

Una simpatica Colazione letteraria “XY vs XX”. Due squadre: tre scrittori e tre scrittrici si confronteranno sul tema “Scrivere di donne è scrivere di genere?”. Un format fresco e veloce: ogni partecipante avrà massimo 3 minuti per esporre il suo punto di vista. “Una location insolita – dichiara la presidente dell’associazione Il Cassetto delle Idee libere,Assunta Altieri  – perché i giovani non devono vedere la cultura come una roba da biblioteca, scuola, luoghi chiusi e basta”. Il tutto sorseggiando un buon caffè. Compongono la squadra XY gli scrittori: Michele Pezone, Sam Stoner, Enzo Verrengia; compongono la squadra XX le scrittrici: Assunta Altieri, Angela Capobianchi, Cristina Mosca. Introduce:Martina Peca. Conduce: Alessio Romano. Le conclusioni sono affidate a Marco Presutti.

“BLIND. FEMALE SENSUALITY” – MOSTRA DI PITTURA CONTEMPORANEA

8 dicembre 2013, ore 18.30

BR1 Cultural Space – Montesilvano Colle – L.go Belvedere

Sempre l’8 dicembre, alle ore 18.30 sarà inaugurata la mostra “BLIND. FEMALE SENSUALITY” al BR1-Cultural Space di Montesilvano Colle. L’obiettivo della mostra è trasferire un messaggio coerente con lo spirito dell’iniziativa: il rispetto della donna e del suo ruolo come persona non significa rinuncia alla femminilità. “La libertà che la donna ha conquistato di vivere con armonia e serenità il proprio corpo e la propria sensualità non sono da condannare. Ciò che fin qui si è contestato non è il corpo della donna in sé ma la rappresentazione che se ne fa; non è la sensualità in sé ma il tentativo costante di asservirla al mercato e alla sfera commerciale” dichiara la presidente del Cassetto delle Idee libere, Assunta Altieri. Espone per la prima volta le sue opere la pittrice pescarese Carla Lozzi che dichiara “La sensualità sta nel lato non svelato, quello che resta al buio e che consente di immaginare; quello dentro di sé, nella parte nascosta, nell’anima”. La mostra sarà presentata da Francesca Mazzucato scrittrice, traduttrice, consulente editoriale internazionale, direttore editoriale di un piccolo editore digitale; si occupa di erotismo, viaggi, web, lifestyle. Collabora con Magazine e siti internet italiani e stranieri; ha un blog d’autore su D di Repubblica. Dice della sensualità: “La sensualità femminile è pelle, silenzi, labbra, corpo scritto, corpo dipinto, sorriso che si fa luce d’amore. La sensualità femminile è potenza e grazia, fragilità, germoglio e insidia, deragliamento, ferita, respiro”.

DONNE USO E CONSUMO.

La rappresentazione dell’immagine femminile attraverso i Media e la Pubblicità.

9 dicembre 2013, ore 17.30

Sala Consiliare, Palazzo del Comune di Montesilvano – Piazza Diaz

La comunicazione mediatica è un potere enorme che può essere gestito nell’interesse della collettività o di singole parti o, addirittura, di singoli individui. Forse i Mass Media non sono gli unici detentori del potere di distribuire informazione e conoscenza, ma certamente si tratta del potere più potente, più pervasivo, più articolato. Diventa pertanto fondamentale che essi trasferiscano input coerenti con la realtà e non con un immaginario prettamente costruito su misura di marketing. La discussione sarà introdotto da Assunta Altieri, esperta di marketing e pubblicità e sarà discussa con il presidente dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo Stefano Pallotta, la giornalista Pina Manente, il presidente nazionale del Co.Re.Com e dalla esperta di comunicazione Maria Serena Manco. Condurrà il workshop la giornalista Chiara D’Onofrio. Presenterà il Premio Giornalistico e Fotografico la giornalista Alessandra Farias.

NEL CORSO DEGLI EVENTI SARANNO PRESENTATI E LANCIATI:

§  il PREMIO GIORNALISTICO E FOTOGRAFICO “DONNE E COSÌ SIA”, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo e del Co.Re.Com Abruzzo. che sarà lanciato con lo scopo di premiare giovani giornalisti e fotografi che abbiano interpretato le questioni femminili. Il premio ha già avuto il patrocinio e contributo della Fondazione Pescarabruzzo e il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti e del Co.Re.Com;

§  il CONCORSO LETTERARIO “DONNE E COSÌ SIA” in collaborazione con Historica Edizioni che porterà alla pubblicazione di un’antologia di autori vari di racconti incentrati sull’universo femminile e del femminile.

25 novembre giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Image Stampa E-mail

Il 25 novembre si celebra in tutto il mondo la “Giornata contro la violenza sulle donne” per ricordare le tre sorelle Miraball, torturate, stuprate e uccise dai militari del dittatore Trujillo, nel 1960 a Santo Domingo.

Con la risoluzione 54/134 of 17 del dicembre 1999 l’Assemblea Generale dell’ONU ha fissato per il 25 novembre la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne.

La violenza contro le donne ha molte facce: le uccisioni e gli stupri sono gli aspetti più drammatici delle violenze dentro e fuori le mura domestiche, nei luoghi di lavoro, per le strade. I dati riguardanti le violenze subite dalle donne sono agghiaccianti, soprattutto se riferiti alla società civile. La violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica è la pura violazione dei diritti umani e, talvolta, l’assenza di leggi adeguate e il silenzio sono complici di tali violazioni.

La violenza è sofferenza e umiliazione. È la prima causa di morte tra le donne nel mondo.

Istituzioni, servizi, strutture educative, forze dell’ordine, parti sociali, partiti politici, mass-media, donne e uomini, tutti si devono sentire coinvolti in un’unica forza di cambiamento. 
Andiamo nelle piazze, riempiamole e facciamo diventare una giornata di mobilitazione locale e nazionale dell’intera società di donne e di uomini, per affermare che senza il riconoscimento della libertà e della dignità delle donne nessuna convivenza è possibile
Per chiedere con forza al Parlamento di dare priorità al tema della violenza contro le donne con uno specifico piano d’azione che permetta una piena realizzazione dei diritti delle donne e delle loro scelte di vita. Ecco perché chiediamo:

  • una legislazione integrata che affronti i diversi aspetti del problema
  • un osservatorio per il monitoraggio della violenza che oltre a fornire dati quantitativi si avvalga soprattutto di opportuni indicatori utili a capirne la complessità
  • l’impegno ad aderire alla campagna europea contro la violenza alle donne per il 2007

Gli appuntamenti in Italia

Milano: Usciamo dal silenzio ha organizzato una sera di festa, di lotta, di socialità, di musica e di teatro invitando le donne di Milano ad uscire dalle case per riprendersi la notte, la vita, la città. La festa si svolgerà a partire dalle 20,30 alla Stazione Centrale. 
Bologna: Libere dalla violenza, Libere di scegliere, concentramento ore 15.00 Piazza XX Settembre 
Torino: sabato 25 novembre via Roma sarà chiusa al traffico e vestita di rosa. Albergatori e commercianti, istituzioni e aziende aderiranno all’iniziativa e si coloreranno di rosa creando un percorso attraverso il centro della città: una vera e propria “Vie en rose”. 
Palermo: manifestazione studentesca in collaborazione con le associazioni siciliane tra cui Arcidonna presso il Teatro Politeama dalle ore 9 alle 14, poi si continua in piazza.

Roma: manifestazione in Largo Argentina a partire dalle ore12.00, organizzata dalla Casa Internazionale delle Donne, ognuna con la sua casetta, perchè è proprio lì, tra le mura domestiche, che si consuma il più alto numero di violenze alle donne.

Per continuare ad approfondire vi segnaliamo il link di ArciDonna


 

TALENT’S GOLDEN DAY IL 9 NOVEMBRE 2013 A TORINO

Come abbiamo già segnalato qualche settimana fa, I9 Novembre a Torino avrà luogo la Talent’s Golden Day, la nuova e imperdibile giornata dedicata al Talento, come sempre ideata e condotta da Natascia Pane. 

Filo conduttore di tutta la giornata sarà il nutrimento, l’oro che ci nutre: il cibo. Una tematica complessa e poliedrica, che però sarà affrontata in modo innovativo cambiando prospettiva: il nutrimento che non viene solo da fuori, ma anche da dentro.

Dopo lo straordinario successo della Talent’s Pink Day del 9 marzo (pubblicata anche sulla testata nazionale Donna Moderna), della Blue Day del 4 maggio (citata da Torino Sette) e della Green Day del 13 luglio (apparsa, fra gli altri, sul quotidiano Pagina), la Talent Coach ha deciso di riproporre l’evento in chiave diversa, con un nuovo colore, nuovi esperimenti e punti di vista. 

Oltre al materiale che potete visionare qui, tutte le informazioni e il programma della giornata è consultabile nel sito www.lospaziodeltalento.com

Un saluto e l’augurio di un grande successo da parte di Infodonna.Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Venerdi 8 novembre a Gragnano (NA)

Riceviamo la segnalazione della presentazione del libro “Fiore….come me” di Giuliana Covella. Ecco la locandina.

Immagine

Talent’s Golden Day il 9 Novembre 2013 a Torino

 Il 9 Novembre a Torino avrà luogo la Talent’s Golden Day, la nuova e imperdibile giornata dedicata al Talento, come sempre ideata e condotta da Natascia Pane. 

Filo conduttore di tutta la giornata sarà il nutrimento, l’oro che ci nutre: il cibo. Una tematica complessa e poliedrica, che però sarà affrontata in modo innovativo cambiando prospettiva: il nutrimento che non viene solo da fuori, ma anche da dentro.

Dopo lo straordinario successo della Talent’s Pink Day del 9 marzo (pubblicata anche sulla testata nazionale Donna Moderna), della Blue Day del 4 maggio (citata da Torino Sette) e della Green Day del 13 luglio (apparsa, fra gli altri, sul quotidiano Pagina), la Talent Coach ha deciso di riproporre l’evento in chiave diversa, con un nuovo colore, nuovi esperimenti e punti di vista. 

Oltre al materiale che potete visionare qui, tutte le informazioni e il programma della giornata è consultabile nel sito www.lospaziodeltalento.com

Un saluto e l’augurio di un grande successo da parte di Infodonna.
Immagine

 

 

 

ImmagineImmagine

Immagine

La donna e la salute mentale. A Campodarsego in provincia di Padova.

Segnaliamo per le amiche e gli amici della provincia di Padova due appuntamenti interessanti, in occasione della Giornata Mondiale sulla Salute Mentale, il 10 ottobre: Le donne e la salute mentale. Questo il programma:ImmagineA

“Perchè valorizzare le donne conviene” dell’economista Daniela Del Boca ospite a Padova

Qualche settimana fa abbiamo dato spazio a questo incontro con l’economista Daniela Del Boca. Questa una sintesi del suo intervento. E’ anche disponibile il video della conferenza: http://www.youtube.com/user/segnavie?feature=results_main 

L’ECONOMISTA DANIELA DEL BOCA a segnavie:
“CON OCCUPAZIONE femminile AL 60%, crescita del pil del 7%”.

“Nonostante le donne italiane siano sempre più istruite e preparate (sono il 60% dei laureati), non sembrano trovare le opportunità e i canali per una maggiore partecipazione alla vita economica e politica del Paese. Favorire attivamente la loro presenza nel mercato del lavoro non corrisponde solo a principi di pari opportunità, ma anche a obiettivi di efficienza economica”.

A dirlo è Daniela del Boca, Dottore di ricerca all’Università di Wisconsin-Madison, Professore di Economia Politica all’Università di Torino, membro del Collegio Carlo Alberto e Direttore del Centro di Economia della Famiglia (CHILD), ospite a Padova del secondo appuntamento del 2012 con Segnavie, il ciclo di conferenze promosso e realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Nel suo saggio scritto con Letizia Mencarini e Silvia Pasqua “Valorizzare le donne conviene” (Il Mulino, 2012) Del Boca dimostra che il lavoro delle donne, se messe in condizione di parità, innescherebbe un vero e proprio circolo virtuoso: l’obiettivo del 60% di occupazione femminile fissato dalla Strategia di Lisbona potrebbe creare 15 nuovi posti nel settore dei servizi ogni 100 assunzioni femminili e una crescita del prodotto interno lordo stimata intorno al 7% a produttività invariata.Un incremento dell’occupazione femminile pari a quella maschile potrebbe addirittura generare incrementi del PIL del 13% nell’Eurozona e ben del 22% in Italia (Goldman Sachs).

“A livello macroeconomico – ha affermato Del Boca, intervistata dall’inviata economica de La StampaTonia Mastrobuoni – un maggior numero di occupate aumenterebbe le entrate fiscali e previdenziali. D’altra parte, la crescita dell’occupazione femminile stimolerebbe anche una maggiore domanda di servizi, soprattutto di cura, che avrebbe un effetto indiretto sul PIL. A livello microeconomico ridurrebbe il rischio di povertà, rendendo le famiglie meno vulnerabili alle difficoltà economiche”.

Anche la riforma del lavoro Fornero fa troppo poco per le donne: “Non dedica abbastanza spazio a tutelare le donne – commenta Del Boca – riconoscere il peso del loro ruolo familiare e incentivare una loro maggiore presenza sul mercato del lavoro. Questa situazione non può che peggiorare nel breve periodo: le recenti misure economiche stanno spingendo molti comuni a tagliare i servizi pubblici, come asili nido, scuole a tempo pieno, assistenza agli anziani e disabili. Inoltre, in assenza di politiche per la crescita, la disoccupazione dei giovani che vivono in famiglia imporrà ancora più lavoro alle donne anziane che, con la nuova età pensionabile, dovranno conciliare lavoro e famiglia per un numero maggiore di anni. Come è possibile che in queste condizioni le donne possano mantenere o aumentare la loro partecipazione al mercato del lavoro e contribuire così a redditi familiari erosi dalla crisi?”

Le ricerche della Professoressa Del Boca dimostrano che congedi parentali più lunghi e più part time farebbero crescere l’offerta di lavoro del 7-10%, mentre un +10% dei nidi farebbe aumentare la probabilità di lavoro del 7% per le donne europee più istruite, e addirittura del 14% per le donne meno istruite.

Invece, secondo gli ultimi dati ISTAT 2010, il tasso di occupazione femminile in Italia è sceso al 46% tornando indietro ai livelli del 2006, ben lontano dal 60% fissato dagli obiettivi di Lisbona. In Veneto è al 53,3%, in calo rispetto al53,9% del 2009, molto distanziato rispetto al 75,3% dell’occupazione maschile. La nostra regione si colloca così al 10° posto a livello nazionale. In Francia, nello stesso periodo, l’occupazione femminile è rimasta stabile intorno al 60%, mentre in Germania ha raggiunto addirittura il 66%. L’Italia è quindi sempre più distante dai principali Paesi europei.

Secondo il Rapporto Statistico della Regione Veneto 2011, nel 2010 le donne occupate in Veneto sono oltre 856mila, il 9,3% delle lavoratrici in Italia, contro gli oltre 1 milione e 255 mila lavoratori maschi. Oltre l’84% sono dipendenti e quasi l’88% ha un contratto a tempo indeterminato (gli uomini il 91%), il terzo valore più alto fra le regioni italiane.

Anche in Veneto la presenza femminile ai posti di comando è bassa: gli occupati maschi con cariche dirigenziali sono il 2,1% e i quadri il 4,5%, mentre le lavoratrici donne sono solo, rispettivamente, lo 0,9% e il 3,3%. Sommando questi ultimi due valori, inoltre, il Veneto ha la quota più bassa di donne ai vertici fra tutte le regioni italiane.

Discriminante poi anche lo stipendio. Considerando gli occupati a tempo pieno, nel 2010 si stima che oltre il 18% delle lavoratrici venete percepisce meno di 1.000 euro contro il 9% dei maschima fortunatamente al di sotto della media nazionale (22%). Appena il 19,3% delle venete percepisce uno stipendio superiore ai 1.500 euro (23,9% il dato italiano) contro il 34,5% degli uomini (in Italia 33,5%).